Archivi autore: Alessio Pittari

La domanda che più di frequente si ode negli sportelli preposti ad accogliere le istanze dal cittadino è: “Si, ma quando mi pagano?“. Una indubbia manifestazione dello stato di necessità per le quali si è presentata alla Pubblica Amministrazione una richiesta di aiuto di carattere economico che nulla ha a che fare con i dialoghi di un bellissimo film di Verdone. Generalmente tale domanda è anticipata da “Un mese fa ho presentato una richiesta…” o anche “…il datore di lavoro ci ha messo in cassa integrazione da piu di tre mesi…“. Una smitragliata sovietica di puntini tremendamente sospensivi che colpiscono in pieno l’operatore e che palesano un’attesa atroce, difficile, lunga, spesso mentalmente ed economicamente insostenibile. Una campata unica tra Avvento e quaresima, con un tocco di lockdown ed una base di ponte sullo stretto. In un mondo più telematizzato e centralizzato certamente la risposta all’istanza trova sempre più spesso il…

Leggi tutto

Questo dannato periodo di vuoto rappresentato dall’emergenza sanitaria da COVID-19 ha creato un vero e proprio rigetto alle restrizioni necessarie a limitare il contagio dal virus che dall’inizio della pandemia, solo in Italia, ha causato purtroppo oltre 68.000 morti (Fonte Ministero della Salute), danni economici per miliardi di euro e ferite profonde nel tessuto sociale ed umano della nostra popolazione. Ci sono però delle sfumature positive che sorgono all’indomani delle tragedie epocali che in qualche modo possono essere registrate. Innovazioni tecnologiche, economiche e sociali che nessuno ha mai il coraggio di adottare in un contesto di “normalità”. Si pensi a quanto l’informatica ha reso possibile non solo rendere meno complicate le nostre vite, ma soprattutto si pensi a quanto questa abbia cambiato il nostro modo di studiare, di lavorare, di curare la gente, di prendersi cura della gente, di passare il tempo. Ed è davvero l’informatica alla base del distanziamento…

Leggi tutto

In tempi di COVID, situazione perdurante ormai da mesi, abbiamo avuto spesso a che fare con una normativa in continuo aggiornamento. Con gli ultimi DPCM, la situazione è divenuta alquanto variegata. Le Regioni (e le Province autonome) sono state catalogate con uno dei tre colori previsti dall’ultimo DPCM del 03.11.2020. Giallo, Arancione e Rosso. Una differenziazione che, ricordiamo, ha poco di simpatico e di scherzoso. Lì fuori c’è gente che soffre e che muore per via del COVID-19. Ci sono ancora malati con le patologie più differenti che vedono con preoccupazione la propria condizione proprio perché il COVID sta assorbendo risorse economiche ed umane. Dunque poco spirito di patate: la situazione è serissima. I tre colori, si diceva, rappresentano la gravità della situazione relativa alla scala dei contagi ed alla situazione di utilizzo dei relativi sistemi sanitari. La gravità della situazione è monitorata costantemente dal Ministero della Salute, il quale…

Leggi tutto

Lo stato è impegnato e ha trovato i soldi per dare mille euro al mese ai disoccupati sempre. Per tutta la vita. Finché lavoro non ci separi. Ci siete cascati! Ma tranquilli. Non è successo niente. Stavolta. Nell’Italia che vanta un sistema di “supporto” alle fragilità apparentemente variegato e spesso – purtroppo – disordinato, esiste un sistema parallelo di informazione mendace o comunque orientato a raccogliere click che richiama un minimo di curiosità. Spesso, sui social, soprattutto nelle bacheche e “grupponi” di non meglio specificati gruppi di acquisto, appaiono soventi dei link che spesso non portano ad un articolo “tecnico“, piuttosto che su siti web specializzati o istituzionali. Spesso capita di vedere dei titoli tremendamente attraenti: “Al via l’assegno per i disoccupati” piuttosto che “Ecco la social card da 800 euro” e via dicendo. La trappola è pronta: se tutto va bene, incuriositi, entrate nel sito e, leggendo a fondo, scoprite che quella misura è “allo studio…

Leggi tutto

Considerata la difficile situazione sanitaria che investe la nostra città ed il nostro territorio e considerata la necessità di continuare ad erogare i servizi del nostro ufficio, E-Socialis ha deciso di attivare gratuitamente una serie di servizi al fine di limitare gli spostamenti e dunque i rischi di contagio. Pur permanendo, finché sarà possibile, la ricezione dell’utenza in presenza nel rispetto reciproco delle normative anti contagio da COVID- 19, è attivo da oggi il servizio di cartella condivisa, attraverso il quale ogni utente, connesso ad internet, può trasmettere in semplicità, sicurezza e riservatezza su una propria cartella condivisa con il nostro ufficio i propri documenti necessari al perseguimento degli iter amministrativi/burocratici previsti dalla pratiche da noi erogate. Il servizio affianca la modalità di trasmissione a mezzo mail e via telefonia mobile già attiva dal mese di marzo 2020. Un’esortazione, quella proposta dalla Società ESOCIALIS Srls, alla corresponsabilità civile, finalizzata ad…

Leggi tutto

l Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini ha dato disposizione alle proprie strutture operative di inviare i mandati di pagamento per un importo totale di 964,8 milioni di euro a favore delle 211.488 imprese più colpite dalle misure di contenimento della seconda ondata dell’epidemia COVID-19. ù È stato possibile erogare i contributi in soli nove giorni dall’emanazione del Decreto Ristori, grazie alla procedura informatica gestita dal partner tecnologico Sogei, e senza richiedere alcun adempimento ai contribuenti coinvolti che vedranno accreditarsi le somme maggiorate direttamente sul conto corrente indicato nella domanda relativa al primo contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Rilancio. A ricevere i contributi sono anche 154mila bar, pasticcerie, gelaterie e ristoranti per un importo di oltre 726 milioni di euro e 25mila operatori dell’ospitalità per 106 milioni di euro. Sono 32mila i beneficiari con sede nel territorio della Lombardia, più di 20mila nel Lazio, 17mila circa in…

Leggi tutto

Attivo, dal 23 ottobre 2020, il servizio per la presentazione delle domande di indennità Covid-19 onnicomprensiva per alcune categorie di lavoratori: stagionali o lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; stagionali di settori diversi dal turismo e dagli stabilimenti termali; intermittenti; autonomi occasionali; incaricati di vendita a domicilio; lavoratori dello spettacolo con almeno sette contributi giornalieri nel 2019 e con un reddito derivante non superiore a 35.000 euro; lavoratori dello spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri nel 2019 e con un reddito derivante non superiore a 50.000 euro; lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali. La misura di sostegno, introdotta dal decreto-legge 104/2020, prevede l’erogazione di una indennità onnicomprensiva pari a mille euro. Per tutte le indicazioni relative all’accesso, alla corretta compilazione della domanda e alle funzioni che permettono di controllarne lo stato e l’esito fino al pagamento, è possibile consultare il Tutorial (pdf 2,93MB) previsto per le altre indennità Covid-19. Coloro…

Leggi tutto

L’agevolazione prevista dal Dl “Rilancio”, per dare una spinta alla mobilità sostenibile attraverso l’acquisto di mezzi di spostamento non inquinanti che contribuiscono a decongestionare il traffico dei grandi centri urbani, come le biciclette (non per niente il beneficio è conosciuto anche come bonus bici), prende forma. Dal prossimo 3 novembre, infatti, sul sito del ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, nell’area dedicata “Bonus mobilità 2020” sarà aperta anche agli acquirenti la piattaforma web, già operativa dal 19 ottobre per la registrazione degli esercenti del settore. La registrazione da parte dei negozianti sulla piattaforma del buono mobilità, infatti, è necessaria per partecipare al programma delle agevolazioni. A partire da questa data, chi ha già comprato un mezzo (entro il 2 novembre) potrà chiedere il rimborso sul prezzo della quota agevolata presentando la fattura o lo scontrino parlante. Chi, invece, non ha ancora effettuato l’acquisto, dal 3 novembre 2020 al 31 dicembre 2020…

Leggi tutto

8/16